Loading...

domenica 6 maggio 2012

C'E' POSTO PER NOI! METTICI LA FIRMA

Nel quartiere cep negli ultimi anni è evidente una grande desolazione, dovuta a un sempre maggiore peggioramento della vita.
Tassello dopo tassello gli abitanti del cep hanno visto sparire qualsiasi forma aggregativa, ludica e di socialità, trasformate in semplice routine da bar; invece sono in evidente crescita la cementificazione e gli spazi inutilizzati.
Questa desolazione si sta però trasformando in organizzazione, in voglia di partecipazione, per riprendere in mano il proprio quartiere e non stare più ad aspettare che qualcuno faccia qualcosa; da circa un anno e mezzo abitanti del quartiere si riuniscono per discutere su quelle che sono le problematiche che famiglie, giovani precari e disoccupati, studenti e anziani vivono sia all' interno del quartiere che nei propri luoghi quotidiani. Sappiamo benissimo che questa crisi ha messo con le spalle al muro tanta gente; al cep, quartiere popolare, tanta è la rabbia e la rassegnazione di famiglie che non hanno reddito perchè non c'è lavoro e, di conseguenza, si trovano ad affrontare la morosità dell' affitto; prezzi eccessivi che aumentano giorno per giorno; scuole che cadono a pezzi e assenza di spazi per bambini, (nonostante il cep sia un quartiere con molte aree verdi), assenza di spazi per giovani e anziani che possano servire anche da supporto per chi oggi si ritrova a vivere da solo, senza nessun sostegno sociale.
Per tutto ciò abbiamo organizzato nell'arco di questo anno una serie di iniziative ludiche e sociali, dalla festa di Halloween accompagnata da interventi al megafono, musica, e corteo per le strade del quartiere, alla festa di carnevale, fino ai vari appuntamenti nei pratini della polveriera.
Momenti ludici e sociali con lo scopo ben preciso di costruire la consapevolezza nella gente che cambiare le cose è possibile: l' unica via d' uscita a questa crisi è unirsi, confrontarsi e ricostruire un modo nuovo di stare assieme fra la gente, scambiarsi idee e saperi.
Abbiamo voluto attraversare l 'inizio della primavera consegnando un questionario con domande semplici e precisi su quelle che sono i pro e i contro del quartiere per poter riuscire a capire nel dettaglio quelli che sono i bisogni di chi nel quartiere ci vive; il questionario è stato distribuito davanti alla Conad, alla banca, al bar, e tanta è stata la voglia di esprimere il proprio parere da parte della cittadinanza.
Dai questionari in molti hanno espresso disappunto per la mancanza di pulizia nel quartiere, per l'abbandono di molte aree, per l'oratorio per ragazzi troppo trascurato, i fondi comunali in disuso, i prezzi del supermercato eccessivamente alti, mancanza di spazi sociali, di diritti, lavoro e reddito.
Con la recinzione dell'ex voga è venuto meno l'ultimo spazio da noi attraversato per fare assemblea e per organizzare le nostre attività nel quartiere.
Crediamo che per tutto ciò sia giunta la necessità di riappropriarsi dei propri diritti, partendo da prendersi cura del proprio quartiere fino a soddisfare i bisogni che più volte la gente ha espresso.

VOGLIAMO UNO SPAZIO CHE SIA PERMANENTE PER:

-fare assemblea e organizzare iniziative nel quartiere;
-uno sportello dei diritti: sulla casa, reddito, disoccupazione, lavoro;
-una ludoteca autogestita, doposcuola, attività per bambini;
-uno spazio per anziani per tombolate e altre attività;
-corsi ed iniziative culturali;
-punto di aggregazione per una socialità altra

mercoledì 28 marzo 2012

Tre giorni di festa nel quartiere


VENERDI' 30 E SABATO 31 MARZO: ore 11.00 Mercato del Baratto info: 3401022993 ore 15.00 animazione bimbi con giochi e merenda ore 15.30 torneo calcetto a 3 info: 3401978723 ore 17.00 torneo di biliardino info: 3299651744ore 19.00 apericena musicato con panini
VENERDI' ORE 16.00 TOMBOLATA AUTOGESTITA
DOMENICA 1 APRILE 11.00 Mercato del Baratto13.30 pranzo popolare con grigliata mista 16.00 caccia al tesoro per bambini.


Questa volta non ci accontentiamo di stare in piazza un pomeriggio, ma abbiamo deciso di concentrare tante iniziative in tre giorni, tra cui il mercato del baratto (dove tutti possiamo scambiare con gli altri le cose che non usiamo più, senza utilizzare i soldi); i tornei di biliardino e calcio a 3, e la grigliata serale.
Come al solito vogliamo portare nelle nostre feste anche dei contenuti importanti; saranno esposte delle mostre fotografiche, tra cui una di vecchie immagini del mercato rosso che si teneva al C.E.P. negli anni '70. Inoltre, visto il grande interesse che ha suscitato in molte persone il questionario che abbiamo distribuito nei giorni scorsi, avremo la possibilità di discuterne e confrontarci.
Per questa iniziativa abbiamo voluto fare le cose in grande, e la piazza sarà allestita e illuminata, per poter continuare a starci anche quando scende il sole.
Come al solito tutto sarà organizzato da noi, senza l'appoggio di partiti, e tutto sarà autofinanziato; speriamo che, come nelle altre occasioni, il quartiere risponda con una grande partecipazione.

mercoledì 14 marzo 2012

UNA SPESA ECCESSIVA?



Gli abitanti del nostro quartiere sono sempre stati capaci di organizzarsi per creare momenti di incontro e socialità e mantenere viva e attiva la nostra comunità. C'è da dire, però, che sempre più spesso ormai queste esperienze sono ostacolate dalla burocrazia e dagli impedimenti creati dalle istituzioni.
Alcuni giorni fa siamo venuti a conoscenza di una situazione che rispecchia questi aspetti; c'è un fondo, in via Bramante, affidato da più di quindici anni ad una signora del quartiere che lo gestisce senza fine di lucro, ad esempio per organizzarci pomeriggi di tombola che si rivelano momenti di incontro importanti, soprattutto per alcune persone anziane che altrimenti rischiano di rimanere molto sole.
Le utenze di questa stanza (elettricità ed acqua) sono sempre state a carico della circoscrizione; adesso che ufficialmente le circoscrizioni sono state abolite (ed al loro posto sono stati fatti i ctp) il comune ha, un po' alla volta, cominciato a trascurare questo tipo di esperienze, fino al punto che a questa stanza è stata tagliata la corrente.
Adesso le tombolate e le altre attività che si svolgevano in questo posto (un doposcuola per ragazzi) sono molto in difficoltà e possono continuare, in maniera molto limitata, solo nelle ore di luce. C'è anche il timore che l'intenzione del comune sia quella di liberare definitivamente il fondo per poi metterlo in vendita, come tanti altri nel nostro quartiere.
Ci chiediamo se la bolletta della luce di una stanza, che funge da spazio di aggregazione importante per alcuni abitanti del quartiere e non solo, fosse una spesa troppo eccessiva per il comune, vista la decisione di staccarla.
Questa situazione non ci pare un caso isolato, ma sommata ad altri casi ci dà un quadro molto buio della realtà degli spazi sociali nel quartiere: da una parte i campini dismessi, i fondi a cui viene staccata la luce, la difficoltà di ottenere uno spazio qualsiasi (anche solo per fare una festa di carnevale); dall'altra sempre più stanze sfitte che il comune prova a mettere in vendita, invece che assegnarle a scopo sociale per i bisogni del quartiere.

lunedì 20 febbraio 2012

Facciamoci spazio! Carnevale al Cep

Pisa - Vistosi negare la concessione di uno spazio pubblico da Comune e circoscrizione, ed addirittura di uno spazio in affitto, per poco chiari cavilli burocratici, il Comitato di quartiere Cep ha comunque svolto la festa di carnevale occupando il giardino della ex-polveriera; enorme partecipazione del quartiere sia alla festa che all'assemblea che l'ha seguita.
Mai il problema della mancanza di spazi sociali si è manifestato in maniera così evidente nel quartiere del Cep. Da una parte le varianti urbanistiche che stanno espropriando e distruggendo uno degli ultimi spazi veramente vissuti dalla popolazione, i campini sui cui stanno costruendo delle nuove abitazioni; dall'altra l'assoluta impossibilità da parte dei cittadini di accedere a spazi pubblici (numerosi quelli inutilizzati), e spesso anche quelli privati vengono concessi in maniera poco chiara.
Alla fine anche una semplice festa di carnevale si è dovuta sostenere sull'occupazione di una piazza, visti i ripetuti dinieghi della pubblica amministrazione e l'improvviso dietro front dei gestori di uno spazio per cui sarebbe stato versato un affitto.
La partecipazione non ne ha risentito, complice anche il bel tempo, e decine e decine di persone hanno affollato il giardino di fronte all'edificio della ex polveriera. Costumi, giochi, cabaret, musica, ma anche striscioni e volantini, la presenza dello sportello del Progetto Prendocasa e degli occupanti della tendopoli di Piazza Dante; e di nuovo, come già era successo ad halloween, il quartiere ha mostrato la sua recettività ed il bisogno di momenti di aggregazione reale come questo.
Alla festa è seguita un'importante assemblea dove tanti abitanti hanno potuto prendere parola per denunciare i problemi di vivibilità che ogni giorno subiscono sulla propria pelle; non solo la mancanza di spazi, ma anche gli sfratti e i problemi abitativi, la disoccupazione e la precarietà, l'abbandono più totale da parte delle istituzioni.
Questa sfiducia sempre crescente, questa svalutazione delle vite delle persone, portano in sè però il seme del riscatto sociale; solo confrontandosi e organizzandosi, come sta iniziando a fare il comitato, queste tensioni possono tramutarsi in armi per ribaltare la crisi.
FONTE: http://www.infoaut.org

sabato 11 febbraio 2012

CARNEVALE - sabato 18 febbraio


                              
Programma della giornata:

>>>>>Dalle 15.00 alle 18.00 maschere, sfilata, giochi e merenda per bambini
>>>>>Ore 18.30 presentazione del comitato con video- interviste sulle problematiche del quartiere
>>>>>Ore 20.00 apericena e a seguire dj set fino a 00.00
Per tutto il pomeriggio sarà allestito lo sportello per il diritto alla casa

Il carnevale
Più volte i cittadini del quartiere hanno provato a chiedere tramite raccolte firme e altre forme uno spazio adibito per le loro esigenze, per organizzare eventi per bambini e non solo; ma sembra che questo non rientri negli interessi dell' amministarzione comunale. Anche per l'organizzazione del carnevale alcuni abitanti del quartiere hanno provato a chiedere una piazza, ma non gli è stata data.
Per questo, ancora una volta organizzandoci per conto nostro, abbiamo pensato di realizzare per sabato 18 il carnevale al Cep, nello spazio Turis Campo Calcietto, U. Giordano.
Di nuovo, questa sarà una giornata dove oltre a divertirci e giocare, grandi e piccini, potremo discutere, confrontarci e fare proposte sulle problematiche del nostro quartiere e della nostra città e su come affrontarle.
Vogliamo che quella giornata sia sentita da tutto il quartiere e non solo per iniziare ad unirci e confrontarci.


In Play!!